neeon
giovedì 25, 2024

Progetti e bilanci delle imprese

  • giovedì 25, 2024
  • Via Martiri Fosse Ardeatine, 3, Velletri
neeon
Progetti e bilanci delle imprese
Automotive

Il governo Italiano voterà contro il regolamento Ue sull'abolizione del Diesel

post-img

A confermare la scelta il Ministro Urso. Probabile che a Bruxelles anche la Germania cambi idea

Roma - 03 marzo 2023 _ Il governo italiano ha ribadito ieri che intende esprimere un voto sfavorevole  riguardo l'adozione da parte del Consiglio Ue del controverso regolamento sulle emissioni nocive delle auto. Sull'esito del voto permangono dubbi. Con l'occasione, il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha rilevato che l'obiettivo italiano è quello  di far comprendere alle istituzioni comunitarie l'urgenza di perseguire politiche ambientali che siano comunque piú attente agli interessi dell'industria. 

L'Italia voterà contro il regolamento sulle emissioni delle macchine, "come segnale per quanto riguarda tutta l'attivitá che la Commissione e le istituzioni europee faranno, e faremo insieme a loro, nei prossimi mesi per quanto riguarda gli altri dossier che sono ancora aperti". Il ministro Urso ha parlato di temi quali gli imballaggi, l'ecotessile, le emissioni nocive dei mezzi pesanti. "Noi siamo un governo pragmatico, che guarda agli interessi nazionali e alla sostenibilitá del nostro sistema sociale", ha detto.

Urso ha aggiunto che "è cambiato il mondo, c'è stata la pandemia, l'Europa è minacciata dalla competitivitá stressante globale per cui è necessario mettere in piena sintonia la capacitá industriale e la duplice transizione ecologica e digitale, dando al sistema industriale la capacitá di riconvertirsi con una visione concreta, non ideologica, messianica frutto di una concezione che appartiene al passato". Lo sguardo del ministro italiano è rivolto anche a medio termine, ossia alle elezioni europee del 2024, sulla scia delle quali il governo Meloni spera in un cambio di maggioranza. Intanto, in una riunione ieri dei ministri dell'Industria, molti Paesi hanno insistito sull'urgenza di ridurre il carico amministrativo delle imprese pur di rilanciare la competitivitá.

Il testo legislativo, il quale stabilisce che dal 2035 non potranno essere vendute nuove auto inquinanti, dovrebbe essere discusso oggi a livello diplomatico. Si immagina che la presidenza svedese non escluda di stralciare il tema dall'agenda, tenuto conto dei crescenti dubbi sull'esito del voto (nei fatti i Ventisette devono decidere se fare proprio il regolamento di recente approvato dal Parlamento europeo). Secondo le informazioni circolate in questi giorni, oltre all'Italia voterá contro anche la Polonia, mentre la Bulgaria si asterrá. Anche dalla Germania giungono dubbi. La coalizione che appoggia il governo Scholz appare divisa. I liberali sono contrari al testo e chiedono rassicurazioni sull'uso dei carburanti sintetici, mentre socialdemocratici e verdi sostengono il regolamento. Insieme i quattro Paesi appena citati avrebbero una minoranza di blocco.

 

Ludovico Tallarita

Articoli correlati

Chi siamo

Il Corriere della Aziende è un giornale focalizzato sul mondo aziendale con articoli, studi e aggiornamenti sulle realtà produttive italiane ed estere. Iniziative, prodotti, bilanci, statistiche, tutto quello che è utile per conoscere un’azienda e i suoi prodotti, essere aggiornati su progetti e iniziative, osservare l’andamento produttivo e capire il bilancio con notizie e inchieste realizzate dalla nostra redazione o ricevute dalle stesse aziende. Il giornale per le aziende dalle aziende.